Comune di
Cavallermaggiore
Comune di
Cavallermaggiore
Comune di
Cavallermaggiore 
Il comune su link_facebook link_twitter link_youtube link_rss
Stai navigando in : Le News

passeggiare

... sotto i portici immersi nella storia


palazzo cinquecentesco della famiglia GarneriIl punto ideale di partenza per la visita della Città si trova a metà della bella e porticata via centrale: è il palazzo cinquecentesco della famiglia Garneri, oggi sede del Municipio. Nella sala ex-consiliare (ora sede degli Uffici Demografici) del Palazzo rinascimentale si possono ammirare il soffitto in legno a cassettoni con grosse travertature lavorate e il camino in bardiglio di Barge.Al centro spicca lo stemma dei Garneri con il motto “A Dieu Servir” datato 1590.

Nel cortile loggiato il pozzo proviene dalla Motta San Giovanni. Sulla pietra che chiude il pozzo è scolpito un albero di gelso: è il più antico documento raffigurante queste colture che ci sia giunto.

Uscendo sulla via principale si può ammirare la Torre Civica la cui costruzione iniziò nel 1564 su progetto di Battista Filippi terminò nel 1581. In altezza misura 28,60 metri ed è dotata di un orologio e di una cella campanaria tuttora usata per annunciare eventi di vita cittadina.

Restaurata nell’anno 2000 ha riportato alla luce le antiche decorazioni di W.L. Salis. Proseguendo lungo i portici e nelle strette vie limitrofe si possono scoprire numerose chiese, confraternite e palazzi storici che catturano immediatamente lo sguardo e meritano di essere ammirate.


... nella tradizione delle confraternite

La chiesa di San Bernardino e la confraternita dei Battuti Bianchi


La chiesa di San Bernardino La chiesa di San Bernardino o dei Disciplinanti Bianchi è un capolavoro, nel quale si combinano l’estro di Francesco Gallo (pianta ellittica, cupola gigantesca) e gli straordinari effetti dei frescanti, i fratelli Pozzo. Oltre alla pregevole forma architettonica, possiede un vero museo di buone pitture, numerose statue dei migliori scultori in legno del ’700 e numerosi paramenti sacri non secondi ad altri in Piemonte. Da ammirare all’interno anche lo splendido coro ligneo risalente al primo ’600 e numerosi oggetti di arte sacra.



La confraternita della Misericordia o dei Battuti Neri

La confraternita fu eretta nel 1490 con bolla di Innocenzo VIII con lo scopo di assistere e dare sepoltura ai condannati a morte. La costruzione della chiesa dei confratelli iniziò nel 1654 su disegno di Giovanni Maria Castelli mentre la facciata fu eseguita nel 1766. La facciata è opera grandiosa costruita con mattoni a vista. All’interno la confraternita conserva numerose opere scultoree barocche del Clemente, del Plura, del Perucca, del Bernero. Significativa è la Deposizione attribuita a Giovanangelo Dolce.



La confraternita di San Rocco

Lungo la via principale si trova la chiesa della Confraternita di San Rocco costruita a partire dal 1681 su progetto di Giovenale Boetto. L’interno della chiesa, molto semplice, è arricchito da un coro e da preziose statue.


... lungo i percorsi della fede


Santuario della Madonna delle Grazie

Santuario della Madonna delle GrazieInizialmente innalzato dai monaci agostiniani in forme gotiche, venne ricostruito all’inizio dell’ '800 in stile neoclassico. Vi si può ammirare un dipinto raffigurante la Vergine oggetto di devozione da parte dei cavallermaggioresi. Da rimarcare la presenza dell’Immacolata di Jan Claret, pittore fiammingo del ’600 e l’affresco di Giovanangelo Dolce raffigurante San Gerolamo e Paolo eremita.

 

Chiesa di San Pietro

Chiesa di San PietroÈ il più antico monumento della Città. La chiesa, eratta fuori dal perimetro della cinta muraria medievale, in stile romanico, consta di tre navate che terminano in absidi. Pare che l’edificio nell’anno 969 fosse stato donato da Arduino il Glabro al monastero benedettino della Novalesa. Nelle mura si trovano frammenti di marmo risalenti ad epoca romana. Sulla facciata si può osservare una data impressa in cifre arabe "1021". San Pietro, in epoca medioevale ebbe il titolo di parrocchia. Fu soppiantata nel XVI secolo dalla Chiesa di S. Michele.


Chiesa di Santa Teresa

La chiesa costruita nel 1700 presenta una facciata con un pronao a porticato a tre arcate sostenute da lesene. All’interno le pareti sono alleggerite da eleganti lesene e da una decorazione a stucco. La tinteggiatura in bianco e celeste è ancora quella originale. Con effetto scenografico fu eretta, dietro l’altare, un’alzata in tela dal pittore saviglianese Francesco Cuniberti. La chiesa e l’annesso edificio conventuale furono sede dei frati carmelitani fino alla soppressione napolenica.


Chiesa di San Sebastiano

Poco oltre l’antica Porta Sottana, la chiesa era di proprietà dei conti Filippi di Baldissero. Notevoli sono i quadri a tempera dell’altare e delle pareti laterali.


Chiesa dei Santi Michele e Pietro



Edificata all’inizio del XVI secolo sull’antica Chiesa dei Santi Michele e Pietrocappella dei Romagnano si presenta in stile romanico composta da tre navate con pilastri ottagonali che reggono volte a crociera; fu ampliata dal priore Mencio dopo il terremoto del 1887. Al suo interno si possono osservare i dipinti su tela di Giovanni Dolce e di Martino Confini. Di Luigi Morgari, pittore di fine secolo XIX, la Via Crucis, la tela della Sacra Famiglia e vari affreschi.



Chiesa di Santa Maria della Pieve



Ricostruita in luogo di un edificio medievaleChiesa di Santa Maria della Pieve risalente alla prima metà dell’XI secolo, venne solennemente benedetta nel 1903. Notevole il ciclo di affreschi presente nell’antico campanile gotico a pianta quadrata che risale al ’300 ed ha come soggetto storie di Santo Stefano.

 

... nella calma agreste delle frazioni


Madonna del PiloneA 4 km dal centro di Cavallermaggiore sorge la borgata di Madonna del Pilone, luogo collinoso ed ameno. La frazione ha una chiesa parrocchiale dedicata alla Madonna del Pilone, nome derivato da un antico pilone racchiuso nella chiesa stessa. Presenta uno stile di transizione tra il rinascimento e il barocco. Fu probabilmente costruita nella prima metà del secolo decimosettimo e restaurata nel 1677 con il concorso del Comune che fece dipingere lo stemma sulla facciata. Lungo la strada reale si trovano gli ultimi maestosi resti di una fortezza che risalirebbe al 1275. Il forte del Motturone fu ripetutamente occupato dall’esercito del duca Carlo I e al tempo delle guerre tra Carlo V e Francesco I (1537). Dell’antico fortilizio sono pervenuti ai nostri giorni la cappella, ora casa rurale e suggestiva torre a pianta circolare che si innalza sulla campagna circostante.



Foresto



"...Porta questo nome per i folti e lunghi boschiForesto che S.R. Maestà che non sono molto lungi" (De Bernardi). La borgata dista dal capoluogo circa 6 km e possiede una bella chiesa dedicata a San Lorenzo martire opera dell’architetto Andrea Vaj. La pianta della chiesa è quadrangolare, gli angoli sono smussati da una linea retta. La facciata in mattoni è convessa nella parte centrale a due piani. Interessante esempio di tardo Barocco piemontese.

 



 

... nella campagna alla scoperta di tesori


San Giorgio

Una delle cappelle campestri più antiche risale probabilmente al 1200, anno in cui San Giorgio fu eletto patrono del Comune.



La Madonna di Castiglione

Eretta nel 1630 in seguito alla liberazione dalla peste fu ingrandita e abbellita nel 1756; vasta e decorosa era abitata da un eremita che aveva cura della cappella.



La Madonna del Pasco

Eretta nel 1595 dal Comune in una zona detta "pascolo comunale" (sulla provinciale per Bra) ha al suo interno un quadro della Vergine Assunta di Martino Bonfini del 1596 e pitture del 1613 che rappresentano i 15 misteri del rosario ed alcuni santi.



San Giovanni alla Motta

Ai confini con Monasterolo di Savigliano sorge una chiesetta di modesta costruzione, ma preziosa per i suoi affreschi. Era la chiesa dei Cavalieri di Rodi, chiamati dal 1530 Cavalieri di Malta.



San Vito

Risale al XV secolo ed è costituita da un corpo chiuso coperto da due volte a crociera diseguali; all’esterno un piccolo porticato rustico.


San Francesco alla Motta Gastaldi

Incorporata in un’abitazione privata nella borgata della Motta Gastaldi presenta un antico affresco sopra l’altare generalmente coperto da un quadro di San Francesco.


... San Giovanni in regione Macra, Madonna della Pace, San Grato alle Mogliacche, San Giacomo agli Zoppeni, Santissima Trinità, Santa Maria della Pietà, San Grato ... un percorso nella natura, immersi nei profumi della campagna alla ricerca della calma contadina.



... nella natura tra i profumati colori delle stagioni


Da Villar San Costanzo a Racconigi passando per Cavallermaggiore una salutare passeggiata a piedi o in bicicletta per ammirare, in tutte le stagioni, lo straordinario proliferare della natura lungo il fiume.



Il Sentiero sul MairaIl sentiero a tratti è selvaggio e sorprendente per gli scorci che offre sia a nord che a Sud di Cavallermaggiore. Bella ed interessante la zona vicino al lago Mairetta con il tracciato che permette in molti punti di camminare sulle rive del Maira.


In prossimità del ponte verso Monasterolo di Savigliano un’area attrezzata è a disposizione per una sosta e per un pic-nic.


Da Cavallermaggiore a Cavallerleone: 4 km per un tempo di percorrenza di 1h e 20 minuti a piedi o 25 minuti in bicicletta. Da Cavallermaggiore a Savigliano: 5 Km per un tempo di percorrenza di 1h e 30 minuti a piedi o 30 minuti in bicicletta.

 

        
Effettua il login
              
Oppure registrati
Comune di Cavallermaggiore
Via Roma, 104 - 12030 Cavallermaggiore (CN)
Tel: 0172.381055
Fax: 0172.382638
P.E.C.: protocollocavallermaggiore@actaliscertymail.it
Email: info@comune.cavallermaggiore.cn.it
Partita IVA: 00330720046
Email: info@comune.cavallermaggiore.cn.it
Per conoscere gli indirizzi Email di settore,
consultare la pagina UFFICI
Fatturazione Elettronica - Codice Ufficio: UFGZZT
Codice ISTAT: 004059
Codice catastale: C376
Codice fiscale: 00330720046
Partita IVA: 00330720046
Conto Corrente Postale: IT 78 P 07601 10200 0000 17739129
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 20 O 08487 46150 0000 5080 0512
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
» Privacy » Note legali » Credits » Accessibilità

Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)    Licenza Creative Commons      eng fra esp deu ru chi ara

Realizzato con il CMS per siti accessibili e responsive cic

eng fra esp deu
ru chi ara por
Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)     Licenza Creative Commons

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento